Banner di INNrete

Cartella selezionata

[Stampa]

Servizio per la verifica delle autocertificazioni delle imprese da parte delle PA

Le Pubbliche Amministrazioni hanno a disposizione il portale VerifichePA per controllare la veridicità delle dichiarazioni sostitutive ricevute da imprese e persone, relativamente ai dati contenuti nel Registro delle Imprese.
VerifichePA fornisce anche elenchi di caselle PEC delle società di persone e di capitale.

Vai al portale VerifichePA

Documento di Verifica Autocertificazione Impresa
Il servizio fornisce documenti che attestano la veridicità delle dichiarazioni sostitutive presentate alle Pubbliche Amministrazioni da imprese e persone relativamente a quanto contenuto nel Registro Imprese.
Tra i documenti disponibili non è compreso quello antimafia.
Per richiedere il documento, la PA deve specificare:
- il codice fiscale dell’impresa
- i riferimenti del procedimento in corso: numero di protocollo e causale
Il servizio visualizza il Documento di verifica di autocertificazione in formato PDF contenente:
- gli estremi della PA procedente e i riferimenti del procedimento
- i riferimenti del soggetto che si è accreditato al portale per conto dell’Ente
- i dati del Documento di verifica di autocertificazione
- il numero di protocollo interno InfoCamere del documento.

Elenchi PEC
Il servizio permette di acquisire elenchi di caselle PEC delle società di persone e di capitale.
Per richiedere un elenco di indirizzi PEC la PA deve specificare
- il codice comune
- il codice attività (fino a un massimo di 3 valori)
Il servizio restituisce per tutte le imprese che soddisfano i criteri specificati:
- denominazione, codice fiscale, sigla provincia, numero REA, indirizzo PEC
L’elenco contiene tutte le sedi d'impresa iscritte nel Registro Imprese, non cessate, relative a società di capitali o di persone.
L'elenco è su file disponibile nell'area di download del portale; su richiesta viene inviato via PEC.

Per accedere al sito occorre registrarsi fornendo i dati della propria Pubblica Amministrazione (codice IPA e PEC) e i dati identificativi della persona che si registra.
Una volta ottenute userid e password, sarà possibile entrare nel sito e sottoscrivere le convenzioni relative ai servizi di proprio interesse

Le Pubbliche Amministrazioni che vorranno accedere ai dati delle Camere di Commercio in cooperazione applicativa, in base a quanto previsto dal CAD, dovranno sottoscrivere con InfoCamere una diversa convenzione. Per ulteriori informazioni su questo servizio contattare l'assistenza al numero 06.64.89.29.00


Per informazioni
Call Center: tel. 06.64.89.29.00 (dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 17)



Le Pubbliche Amministrazioni appartenenti alla Rete Telematica Regionale Toscana possono reperire gratuitamente i dati riguardanti il Registro Imprese anche attraverso i seguenti strumenti:

Servizio PARIX – WEB: offre la possibilità di interrogare il Registro Imprese di Sintesi sezione Regione Toscana, quotidianamente aggiornato, e restituire la visura sintetica delle imprese; permette la ricerca puntuale e generica delle imprese, la ricerca delle persone fisiche e giuridiche, la ricerca delle unità locali e la possibilità di ottenere differite.

Servizio PARIX – GATE: offre la possibilità di integrare le proprie applicazioni software con una chiamata automatica che consente di integrare le pratiche con i dati delle imprese.

Servizio di estrazione dati, creato su base regionale per estrarre gli elenchi di imprese per singolo Comune per alimentare l'applicazione di recupero pagamento tributi.

Per richiedere informazioni e attivare i servizi è necessario rivolgersi alla Regione Toscana attraverso il link www.e.toscana.it/e-toscana/it/infocamere.wp.


Per richieste non riconducibili ai casi precedenti
rivolgersi all'Unità Operativa Sportello Multifunzionale Multicanale, ufficio responsabile per le attività volte a garantire l'accesso alle banche dati camerali
visure.registroimprese@fi.camcom.it


ATTENZIONE
Dal 13 febbraio 2013 le Camere di Commercio non rilasciano più certificati recanti la dicitura antimafia, a seguito dell'entrata in vigore del decreto legislativo n. 218 del 15 novembre 2012 relativo alle nuove disposizioni in materia di documentazione antimafia (pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 13 dicembre 2012).
L'art. 9 lettera b) del decreto dispone infatti l'abrogazione del decreto del Presidente della Repubblica n. 252/1998, per cui cessa la base normativa che affidava alle Camere di Commercio la competenza al rilascio di queste certificazioni.
Gli Enti Pubblici e i soggetti equiparati dovranno rivolgersi alle Prefetture per la verifica delle autocertificazioni ricevute.
Per saperne di più, consultare il sito www.prefettura.it/firenze, sezione “Come fare per”.

 

Logo del servizio per la verifica  delle autocertificazioni delle imprese da parte delle PA

 

Data di redazione: 30/6/2014

 

[Stampa]